Roma, (askanews) - In Italia dal 3 dicembre "Quel fantastico peggior anno della mia vita" (Me & Earl & the Dying Girl), film del regista americano Alfonso Gomez-Rejon, ispirato al romanzo di Jesse Andrews "Il mio peggior amico".La pellicola, vincitrice del premio del pubblico e del gran premio della giuria al Sundance Film Festival (2015), vede protagonista l'adolescente Greg Gaines - il giovane attore Thomas Mann - che passa il suo tempo a girare bizzarri film amatoriali con l'amico Earl (Rj Cyler): "Il mio personaggio impara ad aprirsi a poco a poco, comincia a capire che il mondo va al di là della sua persona - spiega Mann - e che è molto più appagante saper condividere con gli altri, qualsiasi sia la reazione, positiva o negativa. E' sempre meglio condividere, aprirsi e costruire dei rapporti reali".Tutto cambia quando conosce Rachel, una compagna di classe affetta da leucemia. Spiega l'attrice Olivia Cooke: "Il mio personaggio deve fare i conti con il cancro - dice l'attrice - ma non può 'recitare' la parte del cancro o la persona malata. Bisogna trovare un equilibrio tra mostrare questo e il mantenere la forza del personaggio".Il regista Alfonso Gomez-Rejon, autore anche di diversi episodi di "Glee": "Greg Gaines è un giovane regista e vuole fare un film sul suo ultimo anno di liceo. E' un ricordo, una realtà amplificata e la telecamera è a sua volta un personaggio, perché è la storia di un cineasta che racconta la propria vita - afferma, sottolineando - Quando sei al liceo le emozioni e i problemi che devi affrontare sono a volte i più difficili della tua vita, perché a questo punto della vita niente è più difficile e non pensi mai che potrebbe andare peggio, ma poi accade e ti abitui. E' un periodo molto difficile".(immagini Afp)