Istanbul (TMNews) - Un sapore intenso e penetrante realizzati con una ricetta che si tramanda da generazioni. Il Turk Kahvesi, ossia il Caffé Turco è entrato nella lista del Patrimonio immateriale dell'Umanità dell'Unesco. Nelle motivazioni del prestigioso riconoscimento proprio la sua storia. Il caffè turco unisce speciali tecniche di preparazione e una ricca cultura comunitaria tradizionale."I chicchi appena tostati vengono ridotti in polvere; poi al caffè, vengono aggiunti acqua fredda e zucchero nel bricco di ottone e il tutto viene portato a ebollizione, così da produrre la schiuma desiderata e versato in una tazzina" spiega il proprietario di un caffè di Istanbul.Per i meno esperti bisogna ricordare che è opportuno attendere qualche minuto prima di bere il caffè turco in modo da lasciar depositare la polvere di caffè, che altrimenti da una fastidiosa sensazione in bocca.L'impero ottomano ha esportato in quasi tutto il Mediterraneo questo tipo di caffè, Cipro e la Grecia per decenni ne hanno rivendicato la parternità, ma l'Unesco ha voluto riconosce alla Turchia la paternità di questa bevanda.(immagini AFP)