Mantova (askanews) - Una mostra di dipinti moderni che è al tempo stesso una grande installazione firmata da un importante artista contemporaneo. "Quadri da un'esposizione", che si è aperta a Palazzo Te a Mantova, è una collettiva dedicata agli artisti locali, i cui lavori, però, in un gioco che solo nel momento in cui veniva completato prendeva una forma reale, sono stati scelti e allestiti dal mantovano Stefano Arienti, che ne ha creato un "ensemble" che diventa opera d'arte a sua volta."Ho cercato di utilizzare lo spazio come uno stimolo - ha spiegato Arienti - per presentare un nuovo modo di guardare i quadri in questo caso e quindi cercare di fare un'unica grande opera che accogliesse tutte le altre opere insieme potendo offrire al visitatore il diritto di scegliersi se guardare l'opera singolarmente oppure guardando tutto l'insieme come un'unica altra opera".Un'opera che è un omaggio alla città lombarda capitale italiana della Cultura per il 2016 e che riesce a rimescolare le carte tra i concetti di esposizione, punti di vista e interpretazione possibile della realtà. E scusate se vi pare poco.