Mosca (TMNews) - L'Arte, l'urbanistica e la filosofia che hanno fatto la storia del '900 richiusi in un libro culto. Mosca ospita per la prima volta una mostra sul "Poema dell'angolo retto" l'opera di Le Corbusier pubblicata nel 1955 e che per tutti resta una sorta di testamento artistico del grande architetto."Il Poema dell'angolo" retto è una fondamentale riflessione sulla composizione, sulla natura dei linguaggi e sulla differenza tra parola e forma.Cuore del libro e del suo pensiero è il concetto di Modulor: una scala di grandezze, basata sulla Sezione aurea, riguardo alle proporzioni del corpo umano. Secondo Le Corbusier queste misure devono essere usate da tutti gli architetti per costruire non solo spazi ma anche ripiani, appoggi, accessi che siano perfettamente in accordo con le misure standard del corpo umano."Il principio dell'angolo retto è fondamentale per la storia dell'architettura per questo lo troviamo ancora nei manuali" spiega il curatore della mostra.Pioniere nell'uso del calcestruzzo armato per l'architettura, Le Corbusier fuse l'architettura con i bisogni sociali dell'uomo medio, rivelandosi geniale pensatore della realtà del suo tempo.(immagini Afp)