Milano (askanews) - Coinvolgere, incuriosire, comunicare. L'Expo di Milano, in fondo, dovrà fare questo. E in attesa del primo maggio la città si prepara al grande evento con una serie di appuntamenti che già danno il senso di un fermento crescente. Fulcro di questi momenti è l'Expo Gate, dove lo scrittore Gianluigi Ricuperati accompagna altri autori attraverso i sensi del gusto. Per parlare del dolce, distribuendo caramelle, è arrivato Alcide Pierantozzi, che ha voluto citare il grande Alberto Savinio. "La dolcezza - ha detto - il gusto del dolce nel cibo, è qualcosa che toglie al cibo l'aspetto necrofilo mortale che ogni cibo ha nel momento in cui viene mangiato".Ricuperati, cerimoniere divertito, ha sottolineato il ruolo sociale, anche controverso, della dolcezza. "In effetti - ha raccontato - il dolce è chiaramente qualcosa che all'apparenza fa male, è probabilmente una delle cause di tante malattie di vario genere, purtuttavia è al centro della nostra cultura in maniera evidente".Immancabile, quando si parla di dolce, un rimando a una icona come la Coca Cola, che per Pierantozzi vuol dire anche ricordi di famiglia. "I miei nonni la tenevano come un oggetto sacro sotto il lavandino, questa bottiglia di Coca Cola, con l'unico scopo di digerire".Per digerire o per provare piccoli attimi di felicità, il dolce è sempre intorno a noi. E le diete, magari, possono aspettare.