L'Aia (TMNews) - Sono misteriose nuove forme di vita, scheletri di pvc giallo che, grazie al vento, si muovono autonomamente. La scena fa pensare ai robot dei primi film di Guerre Stellari, ma in realtà si tratta di un'opera dell'artista olandese Theo Jansen, dal titolo "Strandbeest", letteralmente "Bestia da spiaggia", che sta per invadere il litorale de L'Aia."Questo - spiega Jansen - sarà il primo passo dell'invasione della bestia sulla spiaggia. Sarà un po' come liberare le mucche in primavera, quando escono dalle stalle e muovono i primi passi nei pascoli".A dare la vita agli scheletri gialli, che sono stati trasportati a mano fino alla spiaggia, è il vento, attore principale dell'opera di Theo Jansen."La regola fondamentale - ha aggiunto l'artista - è che il vento è la fonte di energia. Questi animali non hanno bisogno di andare alla ricerca di cibo, perché il vento qui è sempre disponibile. Lo possono pompare nelle bottigliette che portano sulla schiena, e, una volta compressa, l'aria viene immagazzinata per quando il vento calerà".Che sia solo una nuova forma di performance artistica, oppure il primo passo verso un qualche tipo di futuro è presto per dirlo. Ma vedere la "Strandbeest" che incede apparentemente con una propria volontà è un'esperienza di un certo interessante impatto.