Tegucigalpa. (askanews) - Centinaia di attivisti dell'Honduras hanno vegliato in segno di protesta la salma di Berta Caceres, nota militante ecologista indigena, assassinata da sconosciuti che le hanno sparato mentre dormiva in casa a La Esperanza, 200 chilometri a Nord-ovest di Tegucigalpa.La polizia ha dichiarato che la coordinatrice del consiglio cittadino delle Organizzazioni dei popoli amerindi dell'Honduras è stata uccisa da ladri rimasti sconosciuti mentre rientrava a casa. Berta Caceres, madre di quattro figli, aveva ricevuto l'anno scorso il Premio Goldman per la sua opera in difesa dell'ambiente, uno dei massimi riconoscimenti a livello mondiale.La donna era diventata nota per la sua lotta ambientalista contro lo sfruttamento del territorio da parte di aziende minerarie e idroelettriche, in particolare aveva lottato in difesa del fiume Gualcarque, minacciato da un progetto di diga che avrebbe privato dell'acqua migliaia di abitanti di diversi villaggi del bacino.La madre della Caceres ha affermato che la figlia si era recata recentemente in quella zona e aveva avuto una discussione con i militari e con i dirigenti dell'azienda idroelettrica. In passato la donna, cui era stato già ucciso il compagno, era stata pesantemente minacciata.(Immagini Afp)