Milano (TMNews) Una performance musicale per festeggiare il prolungamento della mostra di Ragnar Kjartansson e, al tempo stesso, il dialogo, estetico, personale e creativo, con la mostra dedicata alla famiglia di Dieter Roth. All'Hangar Bicocca di Milano è andata in scena una serata particolare, tra musica, arte e coinvolgimento del pubblico. Alessia Magistroni, general manager dello spazio Pirelli."La performance di Ragnar - ci ha spiegato - in realtà è stata una sorpresa, anche perché è stata l'occasione per riunire Kjartansson e i Roth, la performance si è tenuta nella mostra di Roth e abbiamo dato la possibilità alle persone di esperire questo legame".Un legame confermato anche dal nipote di Dieter Roth, Oddur, che ha preso parte alla performance musicale, volutamente lontana da provocazioni e choc. "L'idea di fondo - ci ha detto - che quando la performance è finita e la gente torna a casa, se la ricordi, la porti con sé. In un certo senso abbiamo voluto fare la storia e mettere un punto per ricordare che l'Hangar Bicocca è un luogo dove cose straordinarie come questa possono accadere".E quando a unirsi sono i talenti e l'energia di due artisti islandesi e due mostre come quelle di Kjartansson e Roth non è mai possibile prevedere in anticipo quello che accadrà. Ma questo è parte del fascino dell'evento.