Milano (askanews) - L'esperienza, già di suo molto intensa, della mostra "Giotto, l'Italia", in corso a Palazzo Reale a Milano, si arricchisce ulteriormente. Nella Sala delle Cariatidi è stata infatti installata una ricostruzione a dimensioni reali della cappella Peruzzi di Santa Croce a Firenze, con proiezioni video che restituiscono la meraviglia degli affreschi di Giotto, e pure con qualcosa in più, come spiega il progettista della struttura, architetto Mario Bellini. "Noi andiamo dentro - ci ha detto - ci sentiamo nella stessa spazialità percependo che stiamo giocando un'illusione naturalmente, ci sentiamo però nella stessa spazialità della Cappella Peruzzi, vediamo questi bellissimi affreschi nei loro colori luminosi, in quello spazio identico, e poi improvvisamente questi affreschi trascolorano e diventano l'immagine che tu hai quando li vedi solo attraverso i raggi ultravioletti, e ciò ti rivela come un lato B, l'immagine sottostante, quasi ti rivela la procedura".Nella sala delle Cariatidi l'effetto scenografico è sorprendente, anche per la fluidità con cui i diversi elementi dello spazio interagiscono tra loro. Ed è filologicamente affascinante pure il dialogo con l'allestimento della mostra dei dipinti di Giotto nelle sale attigue. E a brillare, oltre al genio del pittore toscano, è anche la sinergia tra istituti scientifici e culturali che ha permesso di arrivare al risultato finale. "Noi - ha aggiunto Bellini - abbiamo colto volentieri questo invito e ci siamo divertiti a raccogliere ancora una volta una sfida".Una sfida, sostenuta dal Comune di Milano con Fondazione Cariplo e Fondazione Bracco, che è parte integrante della mostra "Giotto, l'Italia", fino alla chiusura del 10 gennaio 2016.