E su Lampedusa, chi difende la Bossi-Fini si deve vergognare