Roma, (askanews) - Lo scrittore e sceneggiatore Francesco Piccolo parla del suo prossimo libro e della differenza tra lo scrivere per il cinema e per un libro, a Roma, alla presentazione del film di Francesca Archibugi, "Il nome del figlio", con cui ha scritto la sceneggiatura."Uscirà a marzo il mio prossimo libro". "Si chiama 'Momenti di trascurabile infelicità' ed è fratello di quello che ho scritto qualche anno fa (Momenti di trascurabile felicità ndr)"."Il libro si scrive in solitudine per tanto tempo. Il film è una cosa che si scrive, sempre per molto tempo, ma insieme ad altri e questa cosa cambia la sua visione creativa, cambia la personalità creativa di una persona, perché la mette al servizio di una cosa collettiva. E questo è molto bello" ha aggiunto."I progetti con il cinema di solito è bene non dirli, sono complessi, hanno una macchina più difficile quindi è bene che si parli del cinema quando lo si è realizzato e non quando lo si deve fare"."E' stato un anno importante, adesso è finito: è il 2015, quindi bisogna fare delle cose nuove e spero altrettanto belle".