New York, (TMNews) - L'ispirazione e il metodo di lavoro del padre dell'architettura moderna raccontati attraverso gli acquarelli, gli schizzi, i modellini e gli appunti da cui sono nate le sue opere più celebri. Per la prima volta nella storia il MoMA di New York dedica una retrospettiva a Charles-Édouard Jeanneret, conosciuto da tutti come Le Corbusier.Un'esposizione battezzata "Un atlante del paesaggio moderno" che vuole indagare sull'attività artistica dell'architetto svizzero ad ampio spettro, analizzando il suo lavoro come disegnatore di interni, fotografo, city planner e scrittore. Tutti mezzi tecnici diversi per osservare e ritrarre il mondo che rivelano con quale sguardo Le Corbusier indagava la natura in cui poi realizzava le sue opere. Un processo artistico che passa dai dipinti di paesaggi in Italia, Grecia, India, alla ricostruzione di interni progettati dal'architetto. La mostra resterà aperta fino al 23 settembre prossimo.(Immagini Afp)