Firenze (askanews) - Attraverso i secoli, le armature hanno sempre subìto l'influenza della moda degli abiti civili, moda che hanno influenzato a loro volta. E' uno degli aspetti che si possono cogliere attraverso la collezione di Frederick Stibbert, vissuto nella seconda metà dell'ottocento, e pioniere senza eguali nella storia del costume civile e militare come spiega la vice direttrice del museo Stibbert Simona Di Marco."La truppa ovviamente indossava delle armature più semplici, da arsenale, che avevano solo delle misure standard, piccola media e grande, mentre le armature dei signori, dei comandanti, venivano realizzate su misura, con le decorazioni mirate all'araldica e alla simbologia di chi le indossava".E così il museo Stibbert di Firenze propone nella mostra 'Il Sogno e la Gloria', aperta fino al 6 settembre 2015, una selezione di 150 degli oltre 50 mila pezzi. Un percorso tra cotte, elbi, scudi e armi assieme a fotografie, oggetti, dipinti e schizzi che ripercorrono la storia della moda militare. Un viaggio nel passato, già provato di persona, in queste sale, da Oscar Wilde e Gabriele D'Annunzio.