Milano (askanews) - Non potevano essere più diverse le strade percorse dagli autori di queste due fotografie d'arte, Bruno Cattani e Massimiliano Gatti, eppure sono accomunate da un'idea, quella della duplicità e della caduta della memoria. Da qui la scelta della giuria di Mia, Milan Image Art Fair, che ha assegnato loro ex-aequo il premio Bnl, il riconoscimento promosso dalla banca presieduta da Luigi Abete. "Sono due vincitori con opere diverse. Una è la fotografia di un insieme di oggetti che sono stati fotografati a seguito di un ricerca archeologica, effettuata in Iraq. L'altra invece è la rappresentazione di un momento di intimità, di una donna che sta a riposare". Due rappresentazioni molto distanti di ciò che è stato e ciò che non è giusto dimenticare. "Due approcci del tutto diversi dal punto di vista dei contenuti, che però ha fatto sì che venissero giudicati dalla giuria di tecnici che noi promuoviamo, quindici persone, come due opere meritevoli ambedue del premio, per cui quest'anno la nostra collezione aumenta più che proporzionalmente rispetto al numero delle edizioni, perché con questa edizione avremo due opere anzichè una". Le opere sono state scelte tra quelle di 15 finalisti selezionati dal Comitato Scientifico di Mia il primo aprile.