Roma, TMNews - Lo "Spirito della Musica di Venezia" è il neonato festival europeo che attraverserà Venezia quest estate, portando l Opera, ma anche la musica classica e barocca, nei maggiori teatri e chiese della città lagunare, dalla Fenice alla Basilica di San Marco, per terminare a fine agosto a Cortina d Ampezzo. Come spiega il sovrintendente del Teatro La Fenice, Cristiano Chiarot: "La vera novità è che ci sono tante novità, ci sono tante prime ad esempio il ritorno dell'Otello di Verdi nel cortile del Palazzo Ducale dopo oltre 40 anni, la costituzione di un'orchestra barocca con il sostegno della Regione Veneto e poi ha proseguito il responsabile - il ritorno nella basilica di San Marco con il coro della cappella Marciana che ha più di 500 anni". Più di 50 gli eventi in programma, che raggiungeranno anche le isole e la terraferma. Ce n'è per tutti i gusti: un omaggio al veneziano Bruno Maderna, una sezione intitolata officina Monteverdiana, un concerto di Uto Ughi e il ritorno di Keith Jarrett alla Fenice. Questo festival è dedicato a quel pubblico che dalla fine di giugno frequenta non soltanto Venezia ma anche tutte le spiagge attorno, ha aggiunto il sovrintendente. Vera chicca del festival un nuovo allestimento della Madama Butterfly, nato dalla collaborazione tra la Fenice e la Biennale, con la direzione di Alex Rigola e i costumi e la scenografia dell'artista visuale nipponica Mariko Mori. La sua Madama Butterfly continua a vivere, come? Mori: "Ho aggiunto un video alla fine dell opera in cui lei rinasce come farfalla. Anche se lei è morta, può ritrovare una nuova vita con questa farfalla".