Roma (TMNews) - Sarà una vera "festa" per il pubblico la nona edizione del Festival internazionale del film di Roma: come film d'paertura e chiusura ci saranno due commedie italiane, "Soap Opera" di Alessandro Genovesi e "Andiamo a quel paese" di Ficarra e Picone, diversi divi sfileranno sul red carpet, da Richard Gere a Clive Owen, da Rooney Mara a Kevin Costner agli Spandau Ballet, che presenteranno il film sulla loro storia. Ma la grande novità di quest'anno è che sarà il pubblico ad assegnare i cinque premi delle varie sezioni del festival, tra cui quelli Bnl per "Gala" e "Cinema Italia-Fiction". Nella sezione "Cinema d'oggi" ci saranno tre film italiani, "I milionari" di Alessandro Piva, "Biagio" di Pasquale Scimeca, "La foresta di ghiaccio" di Claudio Noce, e nella stessa sezione verrà presentato "Time out of mind", con Richard Gere. Cinque saranno gli italiani in gara nella sezione "Gala", e di un regista italiano è anche "Escobar", coproduzione internazionale con Benicio Del Toro. Fra i film stranieri più attesi: "Black and white" con Kevin Costner, "Gone girl" di David Fincher, "The knick", la serie di Soderbergh che Clive Owen verrà a presentare a Roma, e "Trash" di Stephen Daldry, con Rooney Mara e Martin Sheen.Tra le masterclass e gli incontri previsti, ci sono quelli con Kevin Costner, Wim Wenders, Takashi Miike, a cui verrà assegnato il Maverick Director Award, Tomas Milian, a cui verrà assegnato il Marc Aurelio Acting Award. Il direttore artistico Marco Muller ora ha un solo augurio:Clip cop 42IN 00.03 out 00.20"Adesso, davvero, la parola spetta al pubblico, saranno gli spettatori a dirci quanto è stato vivo, forte e propositivo questo festival, perché il festival, o per meglio dire, la 'festa', ormai appartiene a loro".