Roma, (askanews) - Una grande amicizia, una conoscenza ventennale, un rapporto artistico nato ai tempi della formazione degli High Five e ora un progetto comune. Nasce così "Tandem", l'album di Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello, uscito dal 4 novembre per la Verve, che dopo essersi separati artisticamente per qualche anno si sono ritrovati e hanno deciso di creare e condividere qualcosa di loro e di particolare, in "tandem" appunto. Come racconta il trombettista Bosso, ospite nello studio di Askanews, parlando dell'amico pianista."Abbiamo pensato di farlo in duo. Una cosa così, scarna, ma che ti permette anche di esplorare territori anche più lontani, difficili".Nell'album interpretano grandi canzoni e temi della musica internazionale, da "Oh Lady Be Good" di George Gershwin al tema di "Taxi Driver". E brani originali come "Wide Green Eyes" e "Dizzy's Blues" di Bosso e "Goodness Gracious" di Mazzariello.Ci sono poi, racconta Bosso, come due "ciliegine sulla torta", le guest star Fabio Concato e Fiorella Mannoia. L'amicizia con Concato risale a molti anni fa, ci dice, avevano già lavorato insieme e sono tornati a farlo quest'estate,"Da lì l'idea di chiamarlo a cantare questo brano bellissimo che si chiama 'Gigi'. Io sono molto legato a questo brano e lo è anche lui, a ogni concerto dice che è il brano a cui tiene di più, è una lettera d'amore a suo papà che gli ha fatto amare e conoscere la musica, anche suo papà come il mio era un musicista"."E su Fiorella Mannoia, beh, quando ho pensato a una voce femminile mi è venuta in mente subito lei, con questo timbro così riconoscibile. Sull'idea di cantare 'Roma nun fa' la stupida stasera', lei da romana non aveva mai cantato in romano e ha accettato questa provocazione".E sul rapporto con la sua tromba Bosso ci dice:"Il rapporto con la tromba è di amore-odio perché mi dà tante soddisfazioni, ma richiede anche tanti sacrifici. Li richiedeva prima nella fase dello studio e anche adesso, E' uno strumento molto fisico, non ti puoi permettere di stare settimane senza suonare o rischi di abbassare il livello. Ci litigo, ma gli voglio anche tanto bene".