Roma (askanews) - Sono passati 24 anni dalla strage di via D'Amelio in cui persero la vita Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta. La Rai ricorda il giudice con la docufiction "Paolo Borsellino Essendo Stato", di Ruggero Cappuccio, in onda il 19 luglio alle 21.30 su Rai Storia e alle 23.15 su Rai1. Il film documentario, che alterna ricostruzioni e filmati d'archivio, offre uno spaccato della vita del giudice ma soprattutto riporta alcune dichiarazioni che Borsellino fece il 31 luglio del 1988 quando venne convocato dal CSM, insieme a Giovanni Falcone, dopo aver denunciato la propria preoccupazione per la smobilitazione del pool antimafia di Palermo. In quell'occasione Borsellino parlò per oltre quattro ore condannando con forza l'inadeguatezza dei mezzi di contrasto attivati dallo Stato contro la mafia.

Alla presentazione del film documentario il Presidente del Senato Pietro Grasso ha ricordato il carattere estroverso e il rapporto appassionato con il lavoro che aveva Paolo Borsellino, e ha affermato: "Il suo alto senso del dovere, spinto fino all'estremo sacrificio, con la consapevolezza di andare incontro alla morte, deve essere preso ad esempio, ed è un valore da enfatizzare".

"Paolo Borsellino ci lascia un insieme di valori, un'eredità di valori, un patrimonio morale, che non si potrà mai disperdere".