Roma, (askanews) - "Con tutto il rispetto per il presidente del Consiglio, come tutti noi dobbiamo avere per lui, a me è sembrato che la scoperta della cultura con il bonus non sia la formula più adeguata al momento che viviamo. Forse valeva la pena incentivare, come è stato fatto in altri campi, la visibilità di coloro che sono i protagonisti di questa crescita culturale, per consentire poi ai giovani di vedere. Perchè se diamo 500 euro ai giovani per andare a vedere i musei, ma i musei sono chiusi, gli spazi espositivi e le librerie sono chiusi, è un modo come un altro per gratificare un mondo elettorale, che rientra nelle corde della politica - a me non tocca dare giudizi in questo senso - ma non risolve il problema". E' il commento del presidente della Fondazione Roma, Emmanuele Emanuele, in merito all'annuncio del premier Matteo Renzi riguardo all'investimento in cultura.