Roma (TMNews) - Robert Downey jr. si toglie i panni di Iron Man e si trasforma in uno scaltro avvocato in "The judge", primo film da lui prodotto con la moglie Susan, che sarà nei cinema il 23 ottobre, e che l'attore ha presentato a Roma con il coprotagonista Robert Duvall, il regista David Dobkin e il produttore David Gambino."The judge" racconta la trasformazione di questo avvocato di successo quando torna a casa e affronta conflitti e tensioni familiari, ricostruendo a fatica un rapporto con un padre molto severo.Downey jr. ha spiegato:"E' stata liberatorio tornare a sviluppare dei personaggi, parlare di storie con momenti semplici: volevamo soffermarci su cosa vuol dire la casa, di cosa significa tornare alle proprie origini".L'attore, ora anche produttore, ha rivelato:"David e io stiamo elaborando una sceneggiatura basata su Pinocchio, una storia italiana con uno spirito e attori americani, che mi piacerebbe molto girare in Italia".In "The judge", tra dramma familiare, giudiziario, e thriller, Duvall offre una grande interpretazione nel ruolo dell'anziano padre malato:"Questa storia è scritta in maniera così intelligente, gli attori e il team erano meravigliosi: dovevi solo entrare in gioco e recitare. Credo che abbiamo fatto un ottimo lavoro".Duvall a Roma ha voluto anche ricordare Massimo Troisi, con cui lavorò in "Hotel Colonial": "Il film era terribile, ma Massimo aveva un incredibile senso dell'umorismo: giravamo in Messico e ci siamo divertiti molto. Ricordo che parlavamo di calcio e discutevamo se Maradona era meglio di Pelè".