Cittadinanza onoraria per il regista che fa elogio dell'errore