Roma (TMNews) - Dopo la vittoria dell'Oscar come miglior attore Matthew McConaughey torna sullo schermo nel film "Mud", in cui interpreta un fuggitivo che sopravvive su un isoletta del Mississipi dopo aver ucciso per amore di una donna, interpretata da Reese Witherspoon. La pellicola diretta da Jeff Nichols, nei cinema dal 28 agosto, era stata girata nel 2012, anno che ha rappresentato la svolta per l'attore, da "bellone da commedia" ad interprete impegnato, e che l'ha portato quest'anno a ricevere il massimo riconoscimento di Hollywood.Lontano dal cinico cowboy malato di Aids di "Dallas buyers club", Mud sembra uscito da un racconto di Mark Twain: è isolato dal fiume dove è cresciuto e dove si è formata la sua personalità forte e selvaggia, e come ha detto lo stesso McConaughey "è un sognatore e un poeta". La fiducia cieca di Mud nell'amore lo ha spinto a vivere una vita sempre ai limiti, sempre in fuga: quando chiede aiuto a due quattordicenni in cerca di avventure che vivono ai bordi del grande fiume si trasforma però suo malgrado in un maestro di vita. Quando Mud riuscirà a restaurare una vecchia barca e a fuggire avrà insegnato ai ragazzi quanto è importante lottare per i propri sentimenti, ed è proprio lì che il film si trasformerà da pellicola d'avventura a un racconto di formazione, adatto soprattutto a spettatori adolescenti.