Roma, (askanews) - Dopo avere vinto la Palma d'oro al 68esimo festival di Cannes per il suo film su un ex soldato dello Sri Lanka fuggito a Parigi "Dheepan - Una nuova vita" (2015), il regista francese Jacques Audiard sta lavorando a un western durante la febbre dell'oro californiana.Su "Dheepan", presentato a Los Angeles, il cineasta dice: "Non posso negare che obiettivo del progetto era prendere gente che non aveva faccia, nome, corpo, pensieri... E dare loro un nome, una faccia, un'identità, li ho trasformati in eroi per il grande schermo".Sulla Palma d'oro, Audiard, 63 anni, ironizza: "Non sono certo che la Palma d'oro faccia la differenza a Hollywood, non ne sono proprio sicuro. Le persone qui adorano i Golden Globe, gli Oscar, credo che la Palma d'oro sia alquanto esotica".L'autore de "Il profeta" (2009) prepara ora un film western basato sul libro dello scrittore canadese Patrick De Witt, che racconta la storia di due fratelli, Eli e Charlie Sisters. "Nel mio prossimo progetto, basato sul libro 'The Sisters Brothers', l'azione si svolge nella metà dell'800, durante la corsa all'oro. E' un momento incredibile di forte avidità, avidità selvaggia, gente che uccide il padre e la madre per i soldi", conclude.Le riprese, le prime in lingua inglese per Audiard, dovrebbero iniziare l'estate prossima. (Immagini Afp)