Roma, (askanews) - Già la location rende speciale la sfilata, il giardino del Museo Rodin di Parigi. Ma se a trasformarlo c'è il tocco di Raf Simons, ecco che la presentazione della nuova collezione di Christian Dior autunno-inverno sembra una favola raccontata nel giardino dell'Eden.Lo stesso designer belga lo ha definito un "giardino delle delizie": a terra un prato sintetico lilla, cosparso di enormi frutti proibiti. Una passerella lussuosa, moderna, ma anche antica, inspirata alla pittura dei maestri fiamminghi e ai loro contrasti.Simons:"Volevo mostrare un giardino diverso, mi piaceva l'idea del frutto proibito nel mondo di oggi. I pittori a cui mi sono ispirato sono pieni di contrasti come innocenza e purezza da una parte, decadenza dall'altra".La sua visione bucolica moderna si ritrova negli abiti: eterei e svolazzanti in chiffon bianco o dipinti come fossero dei quadri con richiami all'espressionismo e al puntinismo. Ma c'è anche un passato più lontano, il barocco, il gotico, con lunghi gilet come fossero giacche, pantaloni larghi, cappotti in panno di lana, maniche enormi, gonne a ruota, cappucci. Ad assistere alla sfilata l'attrice Emily Blunt, incantata: "Amo l'influenza dell'arte contemporanea che ha portato nel suo lavoro, ho trovato tutto davvero meraviglioso".(Immagini: Afp)