Roma (TMNews) - Un Dennis Hopper dietro l'obiettivo che con le sue fotografie racconta l'America anni '60 e '70: è "Scratching the surface", la mostra di foto scattate dal celebre attore e regista che la Gagosian gallery di Roma ospita fino all'8 novembre. Hopper, che con film come "Gioventù bruciata", "Easy Rider", "Apocalypse now", contribuì a mostrare "l'altro lato" degli Stati Uniti, con queste foto coglie lo spirito profondo e ribelle di quei due decenni di svolta della storia americana.Viaggiando tra Los Angeles, Harlem, il Messico, ritrae grandi personaggi come Jane Fonda, Andy Warhol, Robert Rauschenberg, Robert Irwin, i Grateful Dead.Pepi Marchetti Franchi, direttrice della galleria ha spiegato:IN 00.53 out 01.27"Ci sono gli attori ma ci sono anche i tanti artisti che Dennis frequentava, ci sono i grandi momenti della storia americana, che poi sono diventati momenti importanti della storia mondiale, dalle marce per i diritti degli afroamericani all'assassinio di Kennedy: è quindi una finestra privilegiata e veramente straordinaria su un momento fondamentale, ancora oggi, per la nostra storia".La serie "Drugstore Camera" raccoglie foto scattate a Taos, in New Mexico, dove Hopper si stabilì dopo la produzione di "Easy rider" e dove è poi stato sepolto. Questi scatti mostrano le persone che ruotavano intorno all'attore, familiari e amici, nei primi anni Settanta, e sono ambientati tra paesaggi desertici e interni indefiniti.