Roma, (askanews) - Precari, senza certezze, ma pronti al sacrificio e in cerca di riscatto. E' la generazione "X" raccontata nel film "Wax: We are the X", opera prima di Lorenzo Corvino, un road movie generazionale che racconta la storia di tre ragazzi, due italiani e una francese, inviati in Costa Azzurra per realizzare uno spot in una settimana. Tra loro c'è Davide Paganini (gli altri sono Jacopo Maria Bicocchi e Gwendolyn Gourvenec), attore di serie tv e film come "Romanzo di una strage" di Marco Tullio Giordana e adesso nella fiction "Fuoco amico" con Raoul Bova, che ci ha parlato del suo primo ruolo da protagonista. Chi sono questi ragazzi?"Siamo noi, noi lavoratori dimenticati, studenti abbandonati, questi ragazzi nati a cavallo tra la metà degli anni '70 e i primi '80, abbandonati dalla società lavorativa e culturale".Un po' road movie, un po' avventura, tra situazioni grottesche, amicizie e incontro-scontro con la cultura francese fino ad arrivare al "ménage à trois". "C'è una commistione di generi, diciamo che si potrebbe dire che Corvino ha fatto una Nouvelle Vague 2.0".Un film particolare e innovativo perché realizzato in soggettiva a volte anche usando gli smartphone, per girare, come in un film nel film, il videoblog della settimana dei tre giovani. "Sicuramente è un film particolare che si avvale della tecnica della soggettiva, mi sono divertito a sentire che il film è stato chiamato anche un selfie-movie".Un film indipendente autoprodotto ma che è stato selezionato in diversi festival internazionali e che ha nel cast, tra gli altri, anche Rutger Hauer, Jean-Marc Barr, Andrea Renzi e Andrea Sartoretti.Anche lui si riconosce un po' nei ragazzi del film: "Io sono arrivato a Roma nel 2000 a circa 20 anni e Muccino faceva i film sui 30enni. Allora ho pensato di studiare per fare i film sui trentenni; sono arrivato a 30 anni e facevano i film sui 20enni. Ora ho 40 anni e fanno film sui 16enni o sui 50enni che mollano la moglie e hanno la donna giovane. Quindi sono sempre 'fuori luogo', non ho una posizione".Prima dell'estate Davide sarà in tournee nei teatri con lo spettacolo "Dunque lei ha conosciuto Tenco?" scritto da Paolo Logli, che dirige, interpreta e ha prodotto, un monologo in cui, accompagnato dalla musica, racconta la storia della scuola genovese, Luigi Tenco, Paolo Villaggio, Gino Paoli e De André. "Io racconto la storia di questi 4 ragazzi che suonavano nei locali jazz prima di diventare famosi, loro hanno portato il jazz in Italia".