Milano, (askanews) - Due strade rimaste a lungo divise tornano a congiungersi: sono quelle della Rai e di Dario Fo. Il premio Nobel è protagonista di un ciclo di dieci spettacoli in onda in prima serata su Rai 5 dal titolo "L'arte secondo Dario Fo", presentati alla Pinacoteca di Brera a Milano, in cui il maestro racconta vita e opere di grandi artisti, da Picasso a Giotto, da Raffaello a Michelangelo passando per Leonardo, Caravaggio, Correggio e Mantegna. Si parte il 23 febbraio alle 21.15. "Non saprete mai che emozione e che gioia mi state dando mettendo in onda questi miei lavori" ha detto Fo al pubblico riunito per la presentazione.Gli spettacoli sono stati realizzati da Dario Fo nel corso degli anni Duemila, con l'aiuto di Franca Rame: la regia è affidata a Felice Cappa. L'obiettivo, ha detto il direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi, è riavvicinare il pubblico, soprattutto quello più giovane, all'arte e alla cultura. Un percorso iniziato proponendo il teatro di Eduardo De Filippo su Rai 1. "Per troppo tempo non si è visto Dario Fo in tv, recuperiamo il tempo perduto. Non si tratta solo di Fo, c'è più teatro e si noterà sempre di più".Si tratta di una collaborazione che riprende ed è destinata a continuare, anche in vista di Expo 2015. "Tutto dipende dagli spazi disponibili, mi piacerebbe che quello che realizzo fosse messo in scena attraverso l'organizzazione della Rai, questo mi darebbe un grande respiro e una certezza" ha detto Fo in conferenza stampa."Gli spazi ci sono. A questo punto abbiamo organizzato uno spettacolo, ora dovrà pensare a cosa fare" ha aggiunto Gubitosi."Ci sono dei temi sospesi da quasi 20 anni e che mi piacerebbe realizzare per non lasciarli macerare, come si dice a Milano".