Parigi (TMNews) - Dopo le spettacolari coreografie per le Olimpiadi di Londra Danny Boyle torna al cinema. Il regista britannico ha presentato a Parigi il film "Trance", già nei cinema degli Stati Uniti e in Gran Bretagna, ma ancora senza una data di uscita per l'Italia."Mi ha fatto bene lavorare a questa pellicola - ha raccontato Boyle - Dopo due anni e mezzo di impegno per le Olimpiadi, senza parolacce, senza sesso, violenza e defandezze varie, per me è stato quasi un sollievo realizzare un film che contenesse tutto questo"Scherza Boyle che con "Trance" è ritornato alle atmosfere un po' cupe di "Piccoli omicidi tra amici". Ambientato tra mercanti d'arte, furti di quadri e sedute di ipnosi, con James McAvoy, Vincent Cassel e Rosario Dawson, il film è un'incursione del regista di "The Millionaire" nel genere thriller."Volevo smarcarmi dallo stile di Hitchcock - ha precisato il regista britannico - e sebbene Rosario Dawson sia una femme fatale, scordatevi la donna bionda e glaciale che avrebbe fatto pensare alle protagoniste del maestro del brivido"Il film, definito un thriller labirintico, gioca a disorientare lo spettatore. James McAvoy, addetto in una casa d'aste, si unisce alla banda di Vincent Cassel per rubare una tela di Goya. Durante la rapina viene colpito alla testa e quando si risveglia non ricorda dove si trovi il quadro rubato, così da far dubitare di lui i suoi compari. Con l'aiuto della bella Rosario Dawson, i banditi cercheranno di far tornare la memoria a McAvoy attraverso l'ipnosi.