Roma, (askanews) - Michel Hazanavicius, il regista premio Oscar di "The Artist", atre anni dall immenso successo del suo film muto e in bianco e nero, porta al cinema dal 5 marzo "The Search", sugli orrori della seconda guerra in Cecenia.Ambientato nel 1999, racconta la storia di quattro persone coinvolte nel conflitto: una ragazzino ceceno a cui soldati russi hanno ucciso i genitori, sua sorella, che lo cerca tra i civili in fuga, una giovane donna capo delegazione per i diritti umani dell'Unione europea, interpretata da Bérénice Bejo, e un ventenne russo spedito a combattere una guerra che cambierà per sempre la sua vita. Il regista ha confessato che senza il successo di "The Artist" non avrebbe mai avuto la credibilità e i finanziamentiper realizzare un film così impegnativo. "Non ho voluto però fare un film politico, che parla in maniera drammatica della guerra, dare la mia opinione su qualcosa che va oltre me", ha spiegato Hazanavicius.Nonostante la violenza dei temi, infatti, si mostra che c'è una speranza anche nelle situazioni più tragiche."Per me il punto essenziale, ha detto il regista - era mostrare che la nostra umanità continua ad esistere, anche nelle situazioni più drammatiche".