Cannes (askanews) - C'è anche un italiano tra le 21 vittime delle violentissime inondazioni che hanno listato a lutto la Costa Azzurra. La Farnesina ha confermato la morte di un cittadino italiano, un uomo residente da tempo in Francia. Il suo corpo è stato ritrovato non lontano da Cannes.Tra i morti ci sarebbero anche altri due stranieri, con ogni probabilità un uomo portoghese e un cittadino britannico di cui si ignora l'identità la cui scomparsa è stata confermata dal Foreign Office. Il bilancio delle alluvioni resta pesantissimo, oltre 7.000 abitazioni sono ancora senza corrente elettrica.Quello che è accaduto in Costa Azzurra, e quasi nelle stesse ore nel South Carolina statunitense, con tempeste di fulmini, piogge torrenziali e inondazioni devastanti, è ciò che gli esperti si attendevano, e si attendono, in un pianeta caratterizzato dal global warming.A confermare ad askanews un fatto statistico ormai calcolabile per modelli scientifici è Antonello Pasini, climatologo del Consiglio nazionale delle ricerche italiano. Secondo lo studioso, infatti, è chiara l'intensificazione dei fenomeni, come ondate di calore ed eventi con precipitazioni intense.Si tratta delle prime avvisaglie di un riscaldamento globale del pianeta che se non si interviene andrà avanti per secoli.Esistono zone più vulnerabili, quelle dove si producono con maggiore frequenza i fenomeni di precipitazione intensa. In Italia tra le aree più a rischio, oltre alla Liguria e ancora più della Costa Azzurra per la fortissima inurbazione del territorio, ci sono la Versilia e tutto il versante toscano, per la presenza di un golfo con mare caldo e degli Appennini a ridosso delle coste.(Immagini Afp)