Genova (askanews) - Semafori con le luci gialle e azzurre, bandiere tricolori con il verde e il rosso che appaiono beige, estintori marroni e cubi di Rubik dai colori tenui. Una mostra al museo del Castello D'Albertis di Genova offre alle persone "normodotate" l'esperienza di vedere il mondo con gli occhi dei daltonici. L'esposizione dal titolo "Come vedono i daltonici", serve anche a dissipare dubbi e luoghi comuni su un disturbo della vista che colpisce circa l'8 per cento della popolazione mondiale e quasi esclusivamente i maschi. Stefano De Pietro è il curatore della mostra, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Genova."Questa mostra vuole partire da come vedono i daltonici per calarsi nella realtà quotidiana di persone che spesso subiscono della vessazioni ottocentesche sulla patente di guida, sull'accesso ai mestieri e far quindi capire come vivono i daltonici".Nonostante qualche piccola difficoltà, vedere colori diversi è un problema risolvibile."Nella vita quotidiana diventa quasi uno scherzo parlare del daltonismo, perchè i daltonici vivono benissimo, non schiacciano le persone he attraversano la strada e usiamo il semaforo come tutti gli altri".La mostra rimane aperta fino al 21 febbraio prossimo.