Roma (TMNews) - Venezia al centro della curiosità per il matrimonio di George Clooney con Amal Alamuddin, nozze superblindate officiate dall'amico Walter Veltroni. Ma i residenti veneziani come sempre sono spaccati fra gli interessi turistici e l'esasperazione per il caos. E la crisi economica non migliora le cose."A me sinceramente non importa proprio niente - dice Silvana - Poteva sposarsi altrove, anche in una chiesetta di campagna, sarebbe stato molto meglio. Tanto, George Clooney che si viene a sposare a Venezia non è che risolve i nostri problemi"."Il pane in tavola a me non lo porta, i problemi nelle famiglie rimangono, sinceramente a me non interessa" aggiunge Viviana. "Lui viene fuori con tutti i suoi bei soldi, gli scoop, per un articolo sul giornale prende tutti i soldi del mondo, noi dobbiamo fare le scuole professionali per cercare un lavoro, lui sicuramente a noi non lo dà".Tanto più che l'intera città si è bloccata per il Grande Evento. Ma qualcuno con un po' di curiosità rimane, come il guidatore di taxiacqueo Bruno: "Ormai è tutto bloccato perché il Canal Grande lo prendono loro... Ma sicuramente una festa stupenda. Con un palcoscenico come Venezia, sposarsi a Venezia è il massimo, penso. Io sono guidatore di taxi acqueo. Speravo appunto di essere nel turno che portavo un po' di gente a spasso, ospiti di Clooney... Invece sono a casa quel giorno lì! Guardo solo dalla riva".