Da registrare il secondo posto del film di Gabriele Salvadores