Milano (askanews) - Charlize Theron saluta così Milano dove è arrivata per presentare il suo ultimo film "La storia prima di Biancaneve - Il cacciatore e la Regina di ghiaccio", in cui torna ad interpretare Ravenna, la bellissima e cattiva regina di Biancaneve."E' un rischio interpretare un ruolo così iconico come Ravenna, l'unico modo che ho trovato per farlo è portare qualcosa di nuovo, è stata una vera sfida ma anche molto eccitante: rendere il personaggio contemporaneo, non farlo sentire datato".Dopo l'imperatrice Furiosa in "Mad Max", per l'attrice è l'ennesimo ruolo di donna forte e, in questo caso, anche cattiva."Devo essere sincera, mi dà una grande sensazione di libertà - dice, ammettendo che troppo spesso nel cinema i ruoli delle donne sono confinati a due estremi. "Brave madri o brave prostitute, eppure ci sono così tante altre cose che possono essere esplorate con le donne nel cinema. Certi ruoli, di conflitto, brutali, arrabbiati, troppo spesso vengono lasciati agli uomini, eppure non è così".L'attrice rifiuta qualsiasi genere di etichetta. "Rimango sempre perplessa quando le persone mi chiedono 'sei una donna forte o vulnerabile, sei più casual o glamour', a me piacciono tutte queste cose. Se dividiamo tutto in compartimenti diventiamo una società che vuole ridurre le donne ad una cosa sola".Tornando al film, l'attrice si lascia andare ad una battuta sui preziosi e pesanti vestiti indossati da Ravenna, della costumista tre volte premio Oscar Colleen Atwood. "Sono magnifici e lei è un genio" dice l'attrice, "ma dopo 8 ore sul set non riuscivo a respirare".