Da Oniricum a Desiderium, a Venezia si viaggia tra innocenza e seduzione