Milano (askanews) - Quasi cento coppie di ballerini, tra amatori e professionisti, si sono sfidate sulle piste di sei tra le più prestigiose milonghe milanesi, per la Prima edizione del Campionato metropolitano di tango di Milano e Lombardia. Un vero e proprio trionfo per Julio Alvarez e Yailet Suarez, due giovani nati a Cuba, terra madre di salsa, ma che vivono e insegnano tango in Lombardia. Primi in tre categorie: Open, Vals e Milonga."Diciamo che il tango è nato a La Plata - hanno spiegato - ma è diventato ormai come le danze scolastiche. La danza classica è stata inventata in Italia e Francia ma i russi sono bravissimi e anche noi, insomma c'è ovunque e anche il tango lo ballano tutti".Campioni metropolitani della categoria amatori, invece, Ivano Rota e Anna Bellandi, che ballano insieme solo da un anno e hanno una grande passione per la danza e i suoi valori."Assolutamente la competizione si è sentita relativamente - hanno confessato - è solo una cosa in più, ognuno di noi ha cercato di dare il massimo, ma la cosa di base è l'amicizia che si è instaurata tra di noi".C'è chi ha accettato il confronto per il gusto di partecipare, c'è chi si è preparato per mesi puntando alto, come spiega Barbara Cicero, organizzatrice dei campionati."Innanzitutto è un'esperienza bellissima - ha detto - mi sembra che tutti si siano divertiti e hanno avuto una opportunità in più di vivere questa passione comune fortissima, e poi vincono la partecipazione alla finale nazionale e poi direttamente ai campionati italiani che sono i preliminari dei mondiali di Buenos Aires".Abbracci senza età, né nazionalità, sguardi appassionati e passi incrociati molto sensuali, la passione del tango si diffonde sempre di più.