Los Angeles (askanews) - I devastanti roghi del California Valley Fire stanno rallentando anche se restano imprevedibili. I vigili del fuoco dello Stato sono ancora impegnati in prima linea per impedire alle fiamme di propagarsi grazie alla braci sospinte dal vento che trovano facile esca nel sottobosco riarso da quattro anni di siccità."Non va troppo male, spiega uno dei pompieri coinvolti sul campo, non resta gran che da bruciare e si vede chiaramente la direzione del vento che spinge il fuoco a ripiegarsi su se stesso. Se soffiasse nell'altra direzione, sarebbe molto peggio, tutto brucerebbe più in fretta. Il Valley Fire è molto vasto e quando entra in questi canyon e in queste vallate il vento può giocare brutti scherzi".Gli incendi nel nord della California nel fine settimana hanno costretto migliaia di persone a lasciare le proprie abitazioni. Il governatore della California Jerry Brown ha proclamato lo stato di emergenza, mentre oltre 6.000 persone stanno lavorando per cercare di contenere le fiamme nelle diverse contee.Paradossalmente la California è adesso spaccata in due. Mentre la parte settentrionale sta andando a fuoco, quella meridionale e la stessa area di Los Angeles è colpita da intense precipitazione che causano alluvioni. Nella metropoli californiana è stato il giorno più piovoso dell'anno dopo un lunghissimo periodo di siccità.(Immagini Afp)