Roma, (TMNews) - Dopo il successo della miniserie pilota, Raoul Bova torna in piscina in "Come un delfino - la serie", fiction in quattro puntate su Canale 5 a partire dal 15 maggio. Una storia in cui l'attore, questa volta interprete, ideatore, produttore e soprattutto regista, ha creduto molto. La fiction parla di sport, del nuoto, ma come ha detto lo stesso Bova alla presentazione alle piscine del Foro Italico a Roma, parla anche di riscatto, una storia di vita, di coraggio e di valori. Alessandro e il suo gruppo di Ragazzi del Sole finiscono ancora nel mirino della mafia e questa volta per inseguire i loro sogni si devono trasferire a Roma."I ragazzi saranno costretti ad andarsene per un periodo, li porteremo via io e Don Luca, rappresentato da Ricky Memphis - ha spiegato Bova - però con la speranza di tornare e di mettere nuovamente la speranza in un territorio dove di speranza ce n'è poca. Quindi riprenderci quella piscina che era inizialmente nostra".Nel cast tornano Ricky Memphis, Maurizio Mattioli e tutti i ragazzi del nuoto, ma ci sono anche nuovi personaggi come la giornalista Giulia Bevilacqua, molto vicina ad Alessandro. Tra gioie, momenti difficili, gare, amori e delusioni, ci sono tutti i presupposti per continuare la serie, come confermano anche da Mediaset. "Secondo me questa serie può puntare molto su quello che rappresenta lo sport, su quello che si crea all'interno dello sport, sulle aspettative, sulle non aspettative, sulle delusioni, sulle gioie, su quello che comunque può dare anche per un carattere e soprattutto sulla possibilità di dare lavoro, perché ci sono tante persone che facevano gli atleti e ora fanno gli insegnanti, insegnano - ha proseguito l'attore - secondo me è un tema che si può portare avanti in eterno".