Roma (TMNews) - Roberto Benigni torna in tv: il 15 e 16 dicembre su Rai1 racconterà a suo modo i Dieci Comandamenti. "Abbiamo visto i dodici articoli della Costituzione, i 100 Canti della Divina Commedia, l'inno di Mameli, ora i 10 Comandamenti: forse mi sto montato la testa.. Il prossimo anno, giuro, farò l'esegesi dei sette nani". L'attore toscano così ha definito il Libro dell'Esodo della Bibbia, in cui si racconta come Dio diede a Mosè le tavole della legge con i dieci comandamenti: "Si parla della libertà, della vita e della morte, si parla di Dio e degli uomini: è una cosa da fare impressione: ogni capitolo che leggevo, è una cosa impressionante...E' il più grande spettacolo, lo dico nel senso più laico e religioso del termine, è uno spettacolo straordinario: credo che sia la storia più bella del mondo".E' la legge dei sentimenti: per la prima volta si danno delle regole: pensate se non ce le avessero date queste regole, se noi oggi non obbedissimo ai 10 Comandamenti: ci sarebbe, che ne so, gente che magari ammazza, che non va alla messa la domenica, che desidera la donna d'altri, che commette atti impuri, gente che ruba..."Non mancheranno, anche in questo evento televisivo, riferimenti all'attualità: Berlusconi ne abbiamo parlato per 20 anni, è stao un bell'argomento, adesso c'è Matteo Renzi.E' anche un mio dovere, nella serata, fare riferimenti ai nostri giorni presenti, come accade anche nella Bibbia, anche in maniera festosa, gioiosa, ironica, quindi Matteo Renzi nelle serate in cui ci sono i Dieci Comandamenti ce lo troveremo sicuramente".E dopo la tv, Benigni ha annunciato il suo grande ritorno al cinema, a nove anni da "La tigre e la neve": "Sto preparando il prossimo film, siamo nella fase del soggetto, perché ho un desiderio e una gioia di fare film: è davvero tanto tempo che non faccio cinema e ne ho davvero un grande desiderio".