Milano (Askanews) - Il cibo, reintepretato attraverso i sentimenti di speranza, attesa, gioia e dignità. E' questo il tema della mostra collettiva realizzata dalla Città metropolitana di Milano e dall'Associazione Leucò "30 artisti per Expo" nello Spazio Soderini del capoluogo lombardo. Michela Baldi, una delle artiste in mostra, racconta il senso del progetto."Ogni artista - ci ha spiegato - ha lavorato su questo sentimento, cercando di parlare ovviamente non solo dell'alimentazione, ma di quello che l'alimentazione può essere portando il pensiero su questi sentimenti".Tra dipinti, fotografie e sculture, il tema dell'Esposizione universale viene reinterpretato alla luce delle diverse sensibilità artistiche: dal globo che germoglia di Kate Varrey alle figure che soffiano speranza di Cinzia Fantozzi. Fino ad arrivare al pomodoro pensante fotografato in chiave pop da Silvia Pampallona."Il pomodoro - ha detto la fotografa - viene mangiato da noi, in qualche modo dà il suo contributo a nutrirci, ci passa la sua energia e noi la ritrasformiamo". A meno di 100 giorni dall'apertura di Expo, quindi, la cultura continua a ragionare sull'evento e sulle sue sfumature, tentando di portare al massimo livello lo scambio con la città reale."Il dialogo con la città - ha concluso Michela Baldi - dovrebbe essere sempre presente, perché principalmente per un artista è importante comunicare, e se non si comunica, il suo pensiero e il suo sentimento non viene visto da nessuno". La mostra allo Spazio Soderini resterà aperta al pubblico fino al 19 febbraio.