Milano (TMNews) - La protagonista è lei, Sai, baby cucciolo di scimmia cappuccino, affiancata da un cast straordinario: 40 suoi simili e poi giaguari, delfini, coccodrilli che si muovono nel più grande set cinematografico mai esisitito: i 6 milioni di Km quadrati della Foresta Amazzonica. Parliamo di "Amazzonia", ducu-film in 3D che celebra la vita e la Natura - distribuito da The Space Movies in collaborazione con Dnc Entertainment - nelle sale italiane dal 23 marzo 2014, in occasione della giornata mondiale della Foresta, indetta dall'Onu per il 21 marzo.Ad accompagnare la visione, l'attore Alessandro Preziosi, voce narrante della versione italiana."È una specie di viaggio - spiega l'attore - di scoperta sensoriale, un viaggio intenso, divertente, a tratti quasi commovente...".Cresciuta in cattività, Sai precipita nella Foresta e lì, per sopravvivere, deve imparare a schivare le mille insidie della jungla.Il film, tratto da un libro di Johanne Bernard, è stato interamente girato in 3D vicino Manaus, senza computer grafica né effetti digitali dal documentarista francese Thierry Ragobert. Mostra la magnificenza del polmone verde del Pianeta, vista atraverso gli occhi della piccola e impaurita Sai. Per girarlo ci sono voluti quasi due anni, di cui 18 mesi di riprese nel cuore dell'Amazzonia.