Roma (TMNews) - Dopo la Fontana del Tritone e quella della Barcaccia di Piazza di Spagna, adesso è il Colosseo ad essere oggetto di un enorme progetto di restauro dove la partnership tra operatore pubblico e capitale privato è centrale. "Il progetto Colosseo", un contratto di sponsorizzazione da 25 mln di euro siglato tra il ministero dei Beni Culturali e il presidente della Tod's Diego della Valle, è sicuramente emblematico di come sia possibile, in tempi di penuria di risorse pubbliche, avviare una campagna di recupero e valorizzazione del patrimonio artistico italiano.Il restauro, iniziato nel luglio 2013 é previsto in chiusura nel marzo 2016. Nel frattempo, però, l'anfiteatro Flavio non rimarrà incartato in ponteggi e teloni plastificati con sovraimpressi i prodotti dello sponsor. Non avverrà quanto accaduto in alcune piazze di Roma, occupate e deturpate da cartelloni pubblicitari alti un palazzo che per mesi e mesi hanno coperto la facciata in restauro. Solo una rete bianca a maglie larghe quasi impercettibile avvolge come un velo trasparente il monumento, lasciando intravedere le strutture antiche.