Roma, (askanews) - Il miliardo di euro per la cultura promesso dal presidente del Consiglio Matteo Renzi aiuti anche il jazz italiano, il secondo al mondo e non più al seguito del jazz americano, un genere musicale capace come pochi di diffondere la cultura del Belpaese all'estero. E' l'appello dell'artista Renzo Arbore, che ha partecipato alla presentazione di Umbria Jazz Winter 23 a Roma. "Lui ha detto cultura, ho sentito cultura e ho detto 'il jazz perbacco', il jazz italiano è una cultura che si diffonde in tutto il mondo, internazionalizziamo la cultura italiana del jazz, che è già internazionale di suo, hanno fatto tutto da soli questi ragazzi, quindi effettivamente meritano di essere aiutati dalle istituzioni e il jazz può essere ad aiutare le istituzioni", ha spiegato Arbore a margine dell'evento.Arbore ha rivolto quindi il seguente appello al presidente del Consiglio: "Usare il jazz per diffondere la cultura italiana all'estero. E poi dietro ci mettiamo anche la canzone perché sono rappresentante della canzone, ma non napoletana, ma italiana, soprattutto quella di ispirazione jazzistica fatta benissima dagli esponenti della canzone del '900. Però Il jazz è un grimaldello ancora più internazionale, perché non essendo cantato è facilmente propinabile a tutti i fan dell'italia che sono tanti nel mondo, perché il 'jazz è made in Italy'".