Parigi (askanews) - Riproduzioni perfette per non danneggiare gli originali. Nella regione dell'Ardèche nel sud della Francia apre al pubblico dal 25 aprile una replica della Grotta Chauvet, celebre per la sue eccezionali pitture rupestri realizzate oltre 36mila anni fa. E' uno dei più noti e importanti siti preistorici europei, ricco di testimonianze del Paleolitico superiore. Sulle pareti ci sono leoni, orsi, mammut, rinoceronti, cavalli, soli o ritratti in branco, realizzati dall'uomo di Cro-Magnon, nei colori resi disponibili dagli elementi naturali. Le figure hanno un dinamismo potente ed è probabile che il luogo fosse un importante centro di culto dell'epoca.La grotta, scoperta il 18 dicembre del 1994 da un gruppo di speleologi guidati da Jean-Marie Chauvet, si estende per 8500 metri quadrati. Per tutelare questo patrimonio e consentire al grande pubblico di ammirare le pitture è stata realizzata una replica nei pressi di Vallon-Pont-D'arc a circa 7 Km dal sito originale.Si tratta della "copia" più grande del mondo che contiene 27 pitture originali, mille disegni con 425 figure animali e 450 reperti ossei.(immagini AFP)