Milano (TMNews) - Un artista, un palloncino e una modella. Piero Manzoni è ancora oggi, a 50 anni dalla morte, un punto di riferimento per il mondo dell'arte contemporanea, per la sua forza innovativa e la costante capacità di rilanciare la posta in gioco. "Credo che abbia cambiato tutto il modo di pensare e fare l'arte".Rosalia Pasqualino di Marineo è nipote di Manzoni e ha curato, insieme a Flaminio Gualdoni, la grande mostra che Milano, la sua città adottiva, dedica all'artista a Palazzo Reale. Un'antologica che apre molte finestre sul lavoro di Piero, a partire dalla nuova idea di quadro rappresentata dagli "Achrome". "Non c'è più un pennello - spiega la curatrice - su una tela, ma c'è in fondo un'idea su una tela".Manzoni ha anticipato e interpretato molte delle tendenze dell'arte concettuale, attraverso sfide come il "Fiato d'artista" o le sculture viventi, certificate come opere d'arte e firmate. La firma - aggiunge Rosalia Pasqualino - diventa l'impronta sulle uova, l'impronta sul foglio di carta, oppure appunto la firma delle persone che le fa diventare opere d'arte viventi".Simbolo della mostra, e in qualche modo anche dell'intera opera di Piero Manzoni, è l'icona pop "Merda d'artista", che però forse non è mai stata capita fino in fondo. "Questa idea della Merda d'artista come attacco alla società è proprio un fraintendere veramente".Genio, ma non sregolatezza, Piero Manzoni ha rappresentato anche un nuovo modo di essere artista, profondamente moderno, con una forte convinzione nel proprio lavoro, ma anche l'abilità di sfruttare il "sistema" dell'arte e dei media. Genio, ma morto troppo giovane, a soli 29 anni per un infarto, chissà se legato alla sua frenetica attività creativa. "Chiedersi se questa corsa abbia anticipato la sua morte - risponde la nipote dell'artista - non so davvero se è una domanda sensata".La domanda giusta, probabilmente, riguarda la grandezza di Piero Manzoni, e la risposta potrebbe avere qualcosa a che fare con la sua "Base magica", che ha il potere di trasformare in arte qualunque cosa.