Da Napolitano a Letta fino a Benigni il mondo lo piange