Milano (TMNews) - Era una delle dive più importanti dell'età dell'oro di Hollywood e, secondo molti critici, una delle attrici più dotate di sempre. Lauren Bacall è morta a 89 anni per un problema cardio-vascolare e la sua figura entra di diritto nella leggenda del cinema americano. Il suo debutto risale al 1944 in "Acque del Sud", diretto da Howard Hawks e tratto da "Avere e non avere" di Hemingway. Sul set lavorò con il mitico Humphrey Bogart e l'attrice 19enne si innamorò della star di Casablanca: l'anno dopo i due si sposarono, dando vita a una delle relazioni più famose dello star system classico.Insieme a Bogart, Lauren Bacall recitò in altri tre film, il più celebre dei quali "Il grande sonno", ispirato a Chandler e ancora con la regia di Hawks. Anche dopo la morte del marito, che lei ha sempre considerato il suo unico grande amore, l'attrice ha continuato a recitare e nel 1996 ha ricevuto una nomination all'Oscar. La statuetta è poi arrivata, alla carriera, nel 2009, tre anni prima della sua ultima partecipazione a un film. Il 16 settembre di quest'anno avrebbe compiuto 90 anni.