Amsterdam (TMNews) - Hip Hop, House, Dance. Ad Amsterdam va in scena il festival Summer Dance Forever, una kermesse per ballerini urbani di tutto il mondo, giunto alla terza edizione. Un contest, come spiega l'organizzatore Luc Deleau, che si basa su un metodo di valutazione molto particolare."Chi decide chi è il migliore? - si chiede - Questa è una cosa che viene da dentro. Ogni ballerino sa se ha fatto meglio o peggio di un altro e alla fine dei due round è il rispetto per l'altro concorrente che porta a scegliere chi ha meritato di più".Una valutazione di quasi "autocoscienza" quindi, che i ballerini sembrano decisamente apprezzare."E' una competizione con te stesso - spiega il francese Babson - più che con gli altri. C'è una certa pressione che può generare effetti positivi o negativi, e a me porta adrenalina"."Siamo ballerini - aggiunge il tedesco Souhael - e ci sfidiamo, ma in senso positivo, non è una battaglia, è uno scambio".E una volta tanto, nella liberale Amsterdam, non si vedono più quelle figure di giudici istrioni che impazzano nei talent show televisivi: conta molto di più sentire il sound.