Sarzana (TMNews) - Sarzana ospita per l'undicesima volta il Festival della Mente, un appuntamento dedicato a filosofia, scienza, letteratura, ma anche al clima relazionale e, per estensione, al benessere. Al centro dell'edizione 2014 il tema del rapporto con i giovani, come spiega il direttore scientifico Gustavo Pietropolli Charmet."Le novità sono, da un lato, il fatto di aver voluto tematizzare di più, cioè di prendere un tema e cercare di farlo sviluppare da relatori, scienziati, artisti, scrittori. Il tema è il rapporto tra giovani e adulti. Attorno al tema ci si gira".Un movimento che, nella cittadina della Lunigiana ligure, porta poi i relatori e il pubblico a confrontarsi tanto con temi personali quanto di attualità."Creatività, pensiero, mente, amori traditi, scoppi delle guerre, sono tutte cose apparentemente disparate, in realtà girano attorno al problema dei misteri della mente, ai misteri della creatività che è strettamente imparentata con la distruttività umana".E ragionare sulla carica distruttiva che alberga in ogni essere umano potrebbe essere pure un primo piccolo passo verso l'obiettivo, che oggi appare irrealistico, della sconfitta della violenza. Ma da qualche parte si deve pur cominciare.