Pistoia, (TMNews) - Un inno alla scultura come madre di tutte le forme d'arte anche quando le opere sono di dimensioni contenute. A Pistoia, nelle sale di Palazzo Sozzifanti, ha aperto al pubblico la mostra "Grandi maestri, piccole sculture. Da Depero a Beverly Pepper", con opere tratte dalla collezione di arte di Loriano Bertini.Le circa 200 opere rappresentano un excursus lungo la storia dell arte del XX secolo. Tra grandi maestri, predilezioni personali del collezionista e interessanti scoperte, l esposizione raccoglie diverse testimonianze dell arte scultorea internazionale del secolo scorso.Ciascun movimento artistico è rappresentato da artisti emblematici del panorama mondiale: per l'Espressionismo storico ci sono i lavori di Ernst Barlach e Rudolf Belling; per le Avanguardie storiche presenti il Cubismo, con opere di Pablo Picasso e Julio Gonzales, il Futurismo con lavori di Fortunato Depero e Gino Severini, il Dada con Man Ray e il Surrealismo CON Salvador Dalì e Giorgio De Chirico.Poi ancora il Concretismo di Hans Arp e lo Spazialismo di Lucio Fontana, fino l'Action Painting, nato dalle catastrofi della depressione e della guerra mondiale.La mostra promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e curata da Lara-Vinca Masini, resta aperta fino al 30 giugno.